Zone Rosse, Conte incastrato da Boccia (Pd): “In caso di emergenza decide lo Stato”

Condividi!

“Boccia mette nei guai Conte: “In caso di emergenza nazionale decide lo Stato, anzi comanda lo Stato“. Parole del 4 marzo 2020. Era lo Stato che doveva dichiarare Membro e Alzano come “zone rosse”. Lo riporta Radio Savana sul suo profilo Twitter.

La risposta degli utenti: “Infatti il ministro Boccia ha fatto ricorso al Tar contro le aperture anticipate volute dalla regione Calabria. Le leggi valgono sempre, non solo quando ci fanno comodo“. “Spero che il pm di Bergamo interroghi anche lui per fare chiarezza”. “Si sono dati la zappa sui piedi“. Questo valeva anche per le zone rosse. Qualcuno disse: non faremo diventare l’Italia un lazzaretto!”. “Boccia è un notorio zappapiedi”. “Ci sarà un concorso di colpa con un nulla di fatto, purtroppo”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.