Silvia Romano, Sgarbi: “Se si è convertita all’Islam radicale, è da arrestare”

Condividi!

Una marea di commenti ha suscitato la liberazione di Silvia Romano avvenuta dopo quasi due anni di prigionia. In particolare, a provocare tantissime reazioni, molte delle quali estremamente negative, è stata la sua conversione alla religione islamica. Pare che per liberare Silvia Romano sia stato pagato dallo Stato italiano un riscatto di quattro milioni di euro. Silvia è tornata in Italia vestita in abiti tradizionali musulmani. Dopodiché ha confermato alla stampa italiana di aver deciso, dopo una lunga riflessione, di convertirsi alla religione islamica e di aver cambiato il nome in Aisha (trattasi della più importante sposa del profeta Maometto).

Uno dei commenti più duri sulla vicenda di Silvia Romano è stato quello del critico d’arte Vittorio Sgarbi che ha spiegato su Facebook: “Se mafia e terrorismo sono analoghi, e rappresentano la guerra allo Stato, e se Silvia Romano è radicalmente convertita all’Islam, va arrestata (in Italia è comunque agli arresti domiciliari) per concorso esterno in associazione terroristica. O si pente o è complice dei terroristi”.

Condividi!

One thought on “Silvia Romano, Sgarbi: “Se si è convertita all’Islam radicale, è da arrestare”

  1. Certo, perché no ? Prima rende i soldi e poi torna quando vuole dal suo amore. Ci mancherebbe altro !!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.