Senago: sindaco della Lega diede la casa dei profughi ai senzatetto italiani

Condividi!

“Prima vengono ottanta miei cittadini”: la frase che diede il via alla rivoluzione sovranista nel comune di Senago (Milano). Il nuovo sindaco della Lega, Magda Beretta, infatti mantenne la promessa fatta in campagna elettorale e disse una volta per tutte: “Basta migranti nel comune di Senago”. Ma fece di più, mandò via i clandestini dall’alloggio popolare e al posto loro ci mise i poveri senzatetto italiani.

Già prima delle elezioni comunali, il sindaco scrisse una lettera al Prefetto informandolo che nel suo Comune di 21mila abitanti non avrebbe più accolto un solo migrante. Senago è l’esempio di un Italia che torna a fare gli interessi degli italiani, troppo spesso calpestati e discriminati da sindaci e amministrazioni di sinistra ma anche da esponenti dei Cinque Stelle.

Condividi!

2 thoughts on “Senago: sindaco della Lega diede la casa dei profughi ai senzatetto italiani

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.