Sbarcano 70 migranti a Lampedusa. Donato (Lega): “Lamorgese vergognati”

Condividi!

Nuovo sbarco di migranti sull’isola di Lampedusa dove una settantina di immigrati è arrivata nella zona di Cala Madonna a bordo di un barcone. Provengono da Tunisia, Gambia e Costa D’Avorio. Dovrebbero essere trasferiti in motovedetta fino a Porto Empedocle. “È indispensabile che la nave Moby Zazà destinata alla quarantena dei migranti, che attualmente è ancora a Porto Empedocle in attesa di alcune verifiche tecniche, venga al più presto fatta arrivare a Lampedusa”. Lo ha detto il sindaco di Lampedusa Salvatore Martello.

“Clandestini arrivati col tender delle navi dei trafficanti a Lampedusa, ora. A noi cittadini, regole severe e multe salate. Agli immigrati irregolari condoni, abbracci e sussidi. Alla faccia del Coronavirus, della legalità e di tutto il resto. Lamorgese vergognati!“. Lo rivela l’eurodeputata leghista Francesca Donato sul suo profilo Twitter.

La reazione degli utenti: “L’Italia è il Paese dove chi rispetta le leggi appare un fesso, chi le viola un furbo”. “La ministra Bellanova si è dimenticata pure per loro qualche lacrimuccia“. “La Polizia a Roma a fermare i cittadini italiani che sfilano pacificamente”. “Sono i primi effetti della sanatoria, una calamita“. “Dopo la regolarizzazione dei seicentomila immigrati clandestini, il Governo ci porta dritti verso la guerra civile”. “Cosa dire? Scene di quotidiana invasione“.

Condividi!

One thought on “Sbarcano 70 migranti a Lampedusa. Donato (Lega): “Lamorgese vergognati”

  1. Poliziotti bloccano ed identificano gli italiani che distanziati cantano inno nazionale, a Lampedusa sbarcano 70 clandestini indisturbati ed i poliziotti nemmeno cercano di fermarli !! Abbiamo ministri che non fanno il loro dovere, marina e guardia costiera che guardano il cielo, minestra degli interni che fa la calza, il dittatore è nel pollone e dulcis in fondo il capo dello stato non esiste!!! Mi chiedo che cavolo di stato è diventata l’ITALIA??

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.