Sacerdote: “Se un giorno saranno maggioranza, gli islamici ci spazzeranno via” (VIDEO)

Condividi!

Padre Rebwar Basa, giovane sacerdote iracheno del monastero di San Giorgio a Mosul, cercò di spiegare ai cattolici italiani riuniti al Meeting di Comunione e Liberazione a Rimini, che i musulmani sono una minaccia da tenere d’occhio. I cristiani erano la popolazione originaria di Siria e Iraq: oggi sono una minoranza perseguitata. Afferma il parroco: “Ogni tanto leggo che i cristiani sarebbero vittime collaterali di un conflitto. No, non è così: sono l’obiettivo principale. C’è una persecuzione che è anche un genocidio, e di questo dobbiamo parlare”.

“Non vi fidate di me? Non ci credete? Potete anche approfondire: ci sono mass media, ci sono libri, ci sono altri testimoni. Potrete informarvi. Però qui spesso si ha paura di parlare per non toccare la sensibilità di altre religioni, di non dire questo, non dire quello. E state vedendo grazie a questo atteggiamento come è diventata la situazione dell’Europa, dove siete la maggioranza come cristiani e vivete in allerta. Immaginate cosa si vive da noi in Iraq, dove siamo lo 0,5% della popolazione”. E un tempo erano il 100%.

Condividi!

4 thoughts on “Sacerdote: “Se un giorno saranno maggioranza, gli islamici ci spazzeranno via” (VIDEO)

  1. Questo Padre è una perla rara, il problema è non avere un papa cristiano!
    Ovviamente l’abbinamento a questo tipo di governo, come altri in precedenza, rende il tutto esplosivo.

  2. Il Papa è il.successore di Pietro, la pietra d’angolo della Chiesa, chi non crede in questo è scismatico ed è fuori dalla chiesa, si faccia una setta, vada con gli antiConcilio di Lefebvre.

    1. È il successore di Pietro certo ma questo non lo preserva dal commettere errori grandi e piccoli. Spero solo che siano in buona fede e per ignoranza perché non si capisce come possa essere così arrendevole nei confronti dei maomettani mentre Woytyla era fermissimo. Penso ai suoi consiglieri. Credo ce ne siano molti di pessimi

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.