Recovery Fund, Borghi: “Perché stiamo festeggiando una Caporetto” (VIDEO)

Condividi!

I media si sono scatenati nell’elogiare le grandi “Ricchezze” ottenute dal grande combattente Conte. Un accordo non concluso, che assicura un Recovery Fund molto ridotto, con condizionalità strettissime, pessime, e, nonostante tutto, questa sera a “Stasera Italia” un gruppo di tizi che, nella maggior parte dei casi, non aveva idea di ciò che stesse dicendo, celebrava una vittoria inesistente. Vi immaginate un mondo in cui i francesi festeggino Waterloo e noi festeggiassimo Caporetto? Ecco, questo mondo distopico si è realizzato, soprattutto grazie all’incredibile servilismo di presentatori, giornalisti e produttori TV.  Eppure il Recovery è già ben delineato, anche se mancano gli annunci ufficiali:

  • Sarà fortemente condizionale nella destinazione, per cui la Commissione deciderà dove e come potrete spendere i vostri soldi, e vi diciamo che saranno spesi per cose poco utili, ma molto demagogiche. Sarà difficilissimo utilizzare questi fondi per qualcosa di utile, o proprio utilizzarli in generale;
  • Sono sottoposti al “Super freno” per cui i paesi (Olanda in testa, Austria seconda..) potranno rivolgersi alla Commissione per dire che “Non stiamo facendo le riforme” (leggasi tagli a pensioni e servizi sociali) e farli bloccare;
  • Sono quattro soldi, alla fine il fondo perduto non supererà i 390 miliardi, su sette anni. Ce ne toccherà? Ad essere ottimisti dai 60 ai 70, ma divisi in 10 anni. Quindi 10 miliardi all’anno ad essere ottimisti, lo 0,5 % del PIL… Da ridere per non piangere;
  • Sono soldi che, direttamente o indirettamente, saranno pagati da noi e che faranno aumentare il peso delle decisioni NON DEMOCRATICHE, di Bruxelles, a scapito di quelle DEMOCRATICHE, prese in Italia, sul nostro bilancio.

Quindi stiamo letteralmente festeggiando Caporetto, ma una “Classe dirigente” corrotta fino al midollo non poteva fare diversamente. Buon ascolto grazie ad Inriverente. Lo scrive scenarieconomici.it.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.