Parroco missionario sfida Papa Bergoglio: “I poveri non salgono sui barconi”

Condividi!

Don Antonio Romano, parroco in Irpinia, ha voluto lanciare un’accusa a chi predica accoglienza ma la utilizza più come grimaldello contro la società italiana che come aiuto vero verso chi soffre. “Vorrei fare un richiamo a tutti quelli che in questi anni di emergenza migratoria hanno sostenuto la tesi che bisogna aiutare i poveri nei loro paesi, ma la mia iniziativa è estesa anche a coloro che vogliono accogliere i migranti nelle loro città e nelle loro case”. Lo scrive Irpinia News.

“Il mese prossimo – prosegue don Antonio – farò la mia terza visita al villaggio di Rutundwe in Burundi che è gemellato con la nostra parrocchia, ormai, da sei anni. Il Burundi è uno dei paesi più poveri dell’Africa perché piccolo e con poche risorse naturali. La stragrande maggioranza degli abitanti del Burundi non può permettersi un viaggio da clandestino per venire in Europa e per loro è complicato anche ottenere un ingresso regolare per i costi e la trafila da affrontare. Lo so perché sto seguendo una pratica per ospitare una studentessa burundese che desidera continuare gli studi universitari qui in Italia”.

“A tutti quelli che hanno a cuore la vita e la sicurezza di quelle persone, a quelli che dicono che sono una risorsa, a quelli che sostengono che bisogna accogliere, suggerisco di andarli a prendere come sto facendo io. Questo è il modo più sicuro, legale ed efficiente per evitare i morti e il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il secondo punto, che a mio avviso, è ancora più urgente e necessario, riguarda lo sforzo che tutti gli uomini di buona volontà devono fare per sostenere lo sviluppo e la crescita di quelle popolazioni abbandonate e in alcuni casi depredate dal “primo mondo” dice don Antonio sottolineando che, “prima ancora del diritto a emigrare c’è il diritto a non emigrare e quindi il dovere della comunità internazionale di rimuovere la cause che obbligano chi è disperato a partire“.

Condividi!

2 thoughts on “Parroco missionario sfida Papa Bergoglio: “I poveri non salgono sui barconi”

  1. verissimo, ma e’ pu’ comodo la donazione perche le ong finanziano gli stipendi degli affiliati/impiegati:Ormai siamo alle tariffe non piu’ alla facolta’ personale

  2. Il comportamento delle ONG est semplicemente VERGOGNOSO…dall’inizio della loro Attivita’ !! Di UMANO et ASSISTENZIALE,…non hanno nulla !! Loro ” TRAGHETTANO”, sbarcano, nella quasi totalita’, in ITALIA, dove trovano una grande collaborazione ” POLITICO-SOCIALE ” et ISTITUZIONALE ” !!!! Il costo degli immigrati, sulle spalle dell’Italia, est spaventoso, specie ora, che non sbarcano piu’ nei vari porti, ma anche lungo le spiagge, anche dove sono bagnanti !! Praticamente, i Controlli delle Coste Italiane, da parte della ns. Polizia, sono ridotte ad un “lumicino “,….” MA NON PER PIGRIZIA et SUPERFICIALITA ‘”, ma perche’ SONO STANCHI et INSUFFICIENTI, sono spesso ” PERCOSSI ” et danneggiati !! et INSUFFICIENTI !! Perche la Grecia ha liberato 11 immigrati che, al momento, sono in ” MARCIA VERSOL’ITALIA “…e non verso altri paesi della Comunita’ !!! On. Conte, ma che fine ha fatto l’ultimo ACCORDO DI MALTA…per la ” EQUA DISTRIBUIZIONE DEGLI IMMIGRATI ” !!! Buona giornata.

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.