Oseghale in Aula: ecco come il richiedente asilo ha violentato e ucciso Pamela Mastropietro

Condividi!

Maglioncino grigio e pantaloni blu, è entrato in aula, scortato dagli agenti penitenziari, Innocent Oseghale, unico imputato per l’omicidio di Pamela Mastropietro. Nella nuova udienza del processo al tribunale di Ancona, proprio oggi sono attese le dichiarazioni spontanee dell’uomo accusato di aver violentato e ucciso la 18enne romana per poi farne a pezzi il corpo e abbandonarlo in due trolley. È quanto riporta oggi l’Adnkronos.

Oseghale è stato condannato all’ergastolo per omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale, distruzione e vilipendio di cadavere. Nell’aula il procuratore generale di Ancona Sergio Sottani ha mostrato le foto delle armi trovate nell’appartamento di via Spalato, a Macerata, con ancora le tracce del sangue della 18enne, nonostante l’uso della varechina. “Il coltello è l’arma del delitto, la mannaia è stata usata per scuoiare, decapitare, fare a pezzi e disarticolare Pamela” ha spiegato il procuratore al giudice Trerè, scusandosi per i dettagli nel suo racconto, ascoltati dalla mamma della vittima alle sue spalle, col capo chino e la mano sulla mascherina.

Oltre alle foto anche parti della relazione fatta dal medico legale Mariano Cingolani il 6 aprile 2018 in merito alle lesioni sul corpo della ragazza, morta tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio del 30 gennaio 2018. “Pamela non è morta di overdose, lo dicono le prove. E se non è morta per overdose è morta per lesioni. Da lì l’attività di depistaggio messa a punto da Innocent Oseghale attraverso lo scuoiamento, la decapitazione, il deprezzamento e la disarticolazione”, ha detto ancora Sottani, concludendo il suo intervento. “Il depistaggio è avvenuto proprio dove sono stati inferti i colpi o dove sarebbe stato possibile provare il rapporto sessuale – ha spiegato – quindi nel collo, nella vagina, sul seno e all’altezza del fegato. È stata un’operazione fatta non nella fretta per far sparire il corpo ma per eliminare le tracce del reato, così i consulenti non hanno potuto fare accertamenti più precisi”.

“Sono qui, lui è così vicino. Ma io non sono come lui, io vorrei parlarci un giorno”, ha detto all’Adnkronos Alessandra Verni, mamma di Pamela Mastropietro, presente anche oggi in aula. La donna non toglie mai gli occhi da Oseghale, seduto a pochi passi da lei e come l’ultima volta ascolterà la ricostruzione degli ultimi, terribili, attimi di vita della figlia. “Se è dura? Lo è tutti i giorni – dice – Non posso mancare, sono qui per quello che hanno fatto a Pamela, voglio giustizia”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.