Orrore a Casoria, ragazzo tramortisce gattino con un calcio e lo pubblica sui social (VIDEO)

Condividi!

di Andrea Cisternino – Copio questo messaggio che mi è arrivato: “Il tipo del gattino morto è un 13enne di Casoria, già identificato, certo Ferdinando Gravante, ma si è già tolto dai social e vista l’età non possono fargli niente”. Minorenne, quindi può uccidere a calci chi vuole? Intanto noi diffondiamo la sua faccia, facciamolo diventare famoso come vuole lui, avrà qualche amico sano che gli sputerà in faccia. L’indignazione unanime degli utenti sui social: “Noi lottiamo ogni giorno per lasciare questo mondo a questa gioventù malata? È inammissibile che una violenza del genere diventi normalità. Abbiamo sentito anche i messaggi vocali dei suoi amici: “L’errore? Aver postato il video sui social. Questa è la loro scusante”. Pene esemplari per chi maltratta e uccide animali indifesi”. Fra l’altro, il reato di maltrattamento di animali è previsto dall’art. 544-ter del codice di procedura penale e punisce con la reclusione da 3 a 18 mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro:

Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche.

Condividi!

17 thoughts on “Orrore a Casoria, ragazzo tramortisce gattino con un calcio e lo pubblica sui social (VIDEO)

  1. spero che tu muoia di un brutto male che ti faccia soffrire e buttare sangue da ogni orifizio fino all ultimo tuo respiro..sterco umano,ameba della terra,rigurgito purulento di una scrofa deforme, che tu sia maledetto fino alla fine della tua inutile e misera vita.

  2. Non ho capito perchè minorenne non è condannabile? Ce cavolo di legge è? Se si è sentito in grado di fare quella cosa ne deve pagare le conseguenze. Basta pagliacciate.
    Comunque gli auguro qualcosa di molto peggio di quelĺo che lui ha fatto al gattino

  3. Quindi se é minorenne non può essere sanzionato!! Sto paese é sempre più ridicolo io gli andrei adosso con un camion a sto spermatozoo fallito troppo cresciuto, se stai leggendo ti auguro una morte lenta e dolorosa e che il tuo unico pensiero positivo sarà morire

  4. Se il ragazzino è minorenne devono rispondere i genitori che sono maggiorenni. 30000 euro è il minimo che mi aspetto come pensa!

  5. In verità l’articolo contiene un’inesattezza. Il ragazzo non può essere condannato ma i suoi genitori sono legalmente responsabili di ogni sua azione. Per cui, multa di 30.000 € ai suoi genitori, i quali sapranno redistribuirla equamente sulla schiena di questo salsicciotto insulso.

  6. Questo video vs solo segnalato alla polizoa postale e non diffuso, perché altri imbecilli imiteranno, anche la pp consiglia di non condividere video violenti per il motivo che ho suddetto. La cosa sensata da fare è una denuncia per il crimine fatto e basta, perché altrimenti altri ragazzi stupidi e ce ne sono tanti, cominceranno a farlo senza nemmeno postare il video, così ci saranno centinaia di gattini morti e troppi impuniti, perché gli imbecilli sono sempre troppi

  7. Mi auguro che la vita per questa feccia umana diventi schifosa, mi auguro che venga bullizzato maltrattato malmenato che gli accada di tutto e che finalmente lui stesso metta fine alla sua insignificante vita di merda!

  8. Questo ciccione pieno di merda dovrebbe essere arrestato. Poi in carcere c dovrebbe essere sodomizzato da più e più detenuti.

  9. Buongiorno, se l’articolo non verrà rimosso o modificato in modo consono procederemo alla querela verso i gestori di questo sito. Il minore va comunque tutelato, per cui non è possibile diffonderne il nome con questi toni. Non abbiamo necessità di un confronto diretto ed inutile tramite email, per cui se non rimuovete il contenuto poi spiegherete le vostre ragioni in tribunale, anche se ovviamente conoscendo bene la legge per la tutela dei minori siamo sicuri che la nostra richiesta di condanna e risarcimento verrà pianamente accolta.
    Buona giornata

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.