Orfini (Pd): “Non abbiamo ancora dato la cittadinanza ai migranti, così non va”

Condividi!

Mentre gli italiani fanno la fila alla Caritas e al banco dei pegni, le sinistre escogitano altre priorità dopo la regolarizzazione di seicentomila immigrati clandestini. Il deputato del Partito Democratico, Matteo Orfini, scrive su Twitter: “Non abbiamo abolito i Decreti Salvini. Non abbiamo approvato lo Ius Soli (la cittadinanza ai migranti, ndr). Abbiamo fatto un decreto per chiudere i porti. Sulla regolarizzazione forse un compromesso al ribasso. Non è tempo di fare polemiche, si dice. Ma a un certo punto se ne potrà discutere? Perché così non va”.

Ricoperto di critiche su Twitter: “Tu e il tuo partito siete la vergogna di questo Paese, avete riempito l’Italia piena di delinquenti africani spacciatori zingari romeni. Alle prossime elezioni politiche la pagherete cara“. “Non avete abolito i decreti ma gli sbarchi son ripresi ed i porti spalancati. Sulla regolarizzazione, invece, fa riflettere che sia la vostra priorità in tempo di Coronavirus”. “Quando arrivano i soldi veri? Intendo quelli che si possono spendere, ad esempio la cassa integrazione. Chiedo per un amico che ha il frigo vuoto”. “Il partito che ha perso le ultime europee e politiche oggi è al governo. Così non va”. “Sinceramente, sono queste, oggi, le priorità? Le parla un commerciante disperato e come me milioni di cittadini. Sono queste le priorità?“.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.