Milano, Brumotti circondato e aggredito da centinaia di spacciatori africani (VIDEO)

Condividi!

“Milano, Brumotti aggredito da centinaia di spacciatori africani che vendono cocaina davanti a donne e bambini in pieno giorno. Nel frattempo Conte impone alle forze dell’Ordine e all’Esercito di dare la caccia agli italiani senza mascherina. Roba da matti”. Lo riporta Radio Savana sul suo profilo Twitter.

La reazione degli utenti: “Più sono al potere i sinistri servi e più sarà così”. “Girate questo video alla Lamorgese. Lei è responsabile anche della nostra sicurezza”. “E questi li vogliono pure regolarizzare”. “Lamorgese e Conte dovranno renderne conto agli italiani di questa invasione selvaggia”. “Eppure la soluzione sarebbe alquanto semplice veloce e definitiva. Non c’è però la volontà di politica di applicarla”. “La Boldrini vada in quei posti”.

Condividi!

2 thoughts on “Milano, Brumotti circondato e aggredito da centinaia di spacciatori africani (VIDEO)

  1. La Boldrini non vada in quei posti; lei deve andare in quel posto, cioè a f….o. Per quanto riguarda i diversamente colorati che invadono il nostro territorio, sembra che nulla si faccia per un quantitativo enorme di denaro ,occulto ,in tascato da chi? non si sa. La lamorgese dovrà rispondere penalmente alla magistratura (di sinistra?) per il reato di introduzione sul territorio di illegali , in stato di emergenza Covid,Non dovrebbero bastare 15 anni , forse l’ergastolo. .

  2. La lamorgese dovrà rispondere penalmente alla magistratura (di sinistra?) per il reato di introduzione sul territorio di illegali….ma se cambia il colore del governo ( berlusca permettendo) forse dovrà rispondere penalmente non solo alla magistratura di sinistra ,ma anche a quella di destra e quella che si chiama neutrale, nonchè al governo subentrato ed ai danni procurati alla maggioranza del popolo italiano…….comunque se avverrà sarà in buona compagnia col di maio, il conte e via cantando mi sà che vedranno i sorci verdi….

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.