Migranti, Ong tedesca: sulla nave atti di autolesionismo e tentato suicidio

Condividi!

Un immigrato di 24 anni ha tentato il suicidio a bordo della Alan Kurdi, la nave della Ong tedesca con 149 migranti a bordo che in queste ore si trova a largo delle coste di Termini Imerese, nel palermitano, in attesa del provvedimento del governo italiano che ha previsto il trasbordo dei naufraghi su un’altra nave dove trascorreranno la quarantena. Nave privata che, per ospitare gli immigrati, verrebbe comunque a costare parecchio come annunciato nella giornata di ieri.

Dopo dieci giorni, la disperazione di alcune persone a bordo ha raggiunto livelli senza precedenti, dice la Ong tedesca Sea Eye. Il giovane che ha provato ieri a togliersi la vita si trova, secondo il medico della nave, in un grave stato d’ansia dopo esperienze di violenza in una prigione libica e in rapporto conflittuale con altri clandestini salvati a bordo.

“L’uomo è un pericolo per se stesso e per gli altri. E siamo certi che la condizione peggiorerà ulteriormente”, ha detto la dottoressa Caterina Ciufegni nella sua relazione medica comunicata alla guardia costiera italiana. Un altro giovane è così stressato che da giorni ricorre ad atti di autolesionismo. Inoltre altri immigrati hanno tentato di buttarsi in acqua alla vista delle motovedette per raggiungere la terraferma, tuttavia rinunciando. Lo riporta l’Adnkronos.

Condividi!

4 thoughts on “Migranti, Ong tedesca: sulla nave atti di autolesionismo e tentato suicidio

  1. MERKEL!!! TANTO BUONA.. DOVE SEI?!? I PROFUGHI ASPETTANO SULLA TUA NAVE!!! XC DOPO 10 GIORNI NN VIENI ANCORA A PRENDERLI?? È SEQUESTRO DI PERSONA.. PROCESSIAMO CONTE?!? SOLITO GIOCHETTO… ORA AGGRAVATO ANCHE DALLA PANDEMIA!!!

  2. Ma neanche se fosse la Germania a pagare per la nave privata.
    Ci sono i porti chiusi, che le ong si smazzassero il prezioso carico negli stati di cui battono bandiera, in questo momento ci manca solo che sprechiamo soldi verso persone a cui non dobbiamo nulla, lasciando morire nostri concittadini.

  3. Noi italiani non ci riteniamo responsabili di quanto accade sulla bagnarola tedesca ci pensi la culona Merkel!!!

Rispondi a De Paoli Giovanni Paolo Annulla risposta

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.