Migranti infetti rifiutano tampone. Zaia: “Poche storie, da voi la sanità neanche esiste”

Condividi!

Scappi dalla morte e dalla fame, vai in un Paese che ti vuole fare il tampone perché sta lottando contro una malattia e scappano perché non vogliono?”, ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia commentando le accese proteste da parte di 175 richiedenti asilo ospitati nell’ex caserma Zanusso di Treviso. Lo riporta oggi l’Adnkronos.

I sedicenti profughi non vogliono sottoporsi al tampone per il Coronavirus, dopo che gli operatori hanno riscontrato diverse positività tra gli immigrati ospitati. “Ma dove siamo finiti? Non esiste che vengono qui, chiedono ospitalità e ci spiegano come fare la sanità dopo che fuggono da Paesi dove non esiste nemmeno la sanità. Tutto quello che posso fare lo faccio; non possono rifiutarsi di fare il tampone e ho già avvertito anche il prefetto”, ha ammonito.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.