La Spagna (con la sinistra) sta realizzando il muro anti-migranti più alto del mondo

Condividi!

La Spagna (socialista) vuole ridurre ancora di più il flusso di immigrati: e così le due città iberiche in territorio marocchino, Ceuta e Melilla, saranno protette da un muro anti-immigrati. Un muro che coi suoi dieci metri di altezza sarà il più alto al mondo, anche più imponente delle barriere ideate da Donald Trump tra Stati Uniti e Messico.

I lavori costeranno più di diciasette milioni di euro, per un muro in acciaio e legno alto dieci metri (uno in più rispetto a quello di Trump). Una barriera impossibile per gli immigrati che arrampicandosi non troveranno nessun appiglio per scavalcarlo.

La nuova barriera anti-immigrati passerà su tutta la linea di confine tra Marocco e Spagna lungo otto chilometri a Ceuta e altri dodici a Melilla. Lo scopo finale è uno e chiaro: limitare al minimo gli ingressi di immigrati illegali in Spagna o comunque sul territorio spagnolo. Oggi secondo Madrid è ancora troppo facile eludere i controlli, così invece il controllo sarà più serrato. A riportarlo è inews24.it.

Previste 66 telecamere lungo tutto il tratto di confine, quattordici delle quali a rilevazione termica. Ma anche un’apparecchiatura per il riconoscimento facciale ai varchi del confine. E la linea del governo non cambia. Nel 2019 i migranti illegali entrati in Spagna sono stati 24.000, oltre il 40% in meno rispetto al 2018. Una decisione però fortemente contestata dalle organizzazioni umanitarie.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.