Il Pd ora vuole introdurre lo Ius Soli: i problemi degli italiani possono attendere

Condividi!

di Paolo Sensini – Cosa propone la prima forza di governo, cioè il Partito Democratico, all’indomani delle elezioni regionali in cui non ha fatto altro che riconfermare, salvo le Marche, i propri feudi elettorali? Ma è ovvio, ridare subito fiato alla tratta dei clandestini con misure legislative ad hoc che introducano al più presto il famigerato Ius Soli. Non gli può fregare di meno dei milioni di persone che hanno perso il lavoro in questi mesi, di abbassare una pressione fiscale che non ha uguali in nessun’altra parte del mondo, dell’ecatombe d’imprese chiuse per una finta emergenza sanitaria, di centinaia di migliaia di terremotati in Centro Italia abbandonati da anni a se stessi.

No, l’unica cosa che gli sta a cuore è che riprenda al più presto l’invasione di allogeni da gettare in strada a fare l’elemosina, perché è questo poi l’esito scontato dell’accoglienza che tanto predicano, ma anche nuova manodopera da offrire generosamente alla malavita di importazione che dilaga ovunque sulla Penisola italiana. Pensate che razza di personaggi abbiamo al governo d’Italia: energumeni a cui interessa unicamente compiacere i loro padroni e mantenere un tenore di vita da nababbi a spese dei contribuenti. Servi, parassiti e traditori, ecco ciò che sono!

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.