Fedriga rinchiude gli immigrati irregolari sul bus: “In Friuli non devono entrare”

Condividi!

“Non sono persone che stanno scappando. Sono migranti di tipo economico e non va bene che entrino qui”. Queste le parole di Massimiliano Fedriga, ospite di Tagadà, in merito al caso di Udine, dove una trentina di clandestini sono stati confinati all’interno di un autobus. In 32 dormono nel pullman, nell’attesa che il Governo centrale si decida a trovare una qualche ‘soluzione’.

Il governatore del Friuli spiega che i clandestini arrivano dalla Slovenia, “un paese europeo. Perché non sono rimasti in un posto sicuro come quella nazione se sono dei rifugiati politici e sono venuti qui in Italia da noi? Questa è la controprova che non sono dei rifugiati. La situazione qui in Friuli è diventata insostenibile: sono dei migranti di tipo economico e non possiamo accoglierli tutti noi qui in Italia. Non ci sono più gli spazi per gestirli. Il governo deve capirlo. Non va bene che entrino: il problema è a monte non a valle”, spiega l’esponente leghista.

La giornalista Tiziana Panella (La7) con tono risentito gli chiede: “Dunque secondo lei è giusto che restino all’interno di un autobus?”. Fedriga le spiega per l’ennesima volta che in Friuli quegli immigrati non ci dovrebbero essere e non ci devono stare. “Il problema è a monte, non a valle: non devono entrare”.

Condividi!

2 thoughts on “Fedriga rinchiude gli immigrati irregolari sul bus: “In Friuli non devono entrare”

  1. Sono D’accordissimo non sono migranti ma sono CLANDESTINI E VANNO RIMANDATI A CASA LORO CIOE IN TUNISIA.

  2. Cerchiamo di capire una cosa: la maggior parte di questi clandestini (Migranti vuol dire altro) vengono dalla selva africana o da paesi poverissimi, dove il tenore di vita è allo stato selvatico, cioè vivono in capanne o grotte, senza alcuna norma igienica. Ciò vuol dire che non conoscono la civiltà dei paesi progrediti (e ne stanno dando prova) e anche se chiedono di fare le badanti, vorrei vedere chi si fida di loro. Gli uomini non sanno riconoscere i nostri frutti e non sanno come raccoglierli..
    Venendo da paesi senza norme igieniche, possono essere portatori (quasi certamente) di pandemie vedi Sars-Covid, epatite, scabbia, tubercolosi, mononucleosi, colera, encefalite (di cui non si parla, ma già ci sono avvisaglie), E tutte quelle malattie tropicali che non conosciamo.
    Fedriga, Musumeci, ecc, devono dare dei segnali forti, altrimenti la Lamorgese, crede di avere fatto il suo dovere.

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.