D’Eramo (Lega): “100 migranti in paesino Abruzzo di 84 abitanti, ci opporremo”

Condividi!

Uno dei più piccoli e tranquilli comuni d’Italia”, Carapelle Calvisio, in provincia dell’Aquila, 84 abitanti, “sta per essere invaso da oltre 100 migranti, in piena emergenza Coronavirus, per il periodo di sorveglianza sanitaria, la cosiddetta quarantena”. Lo denuncia il coordinatore abruzzese della Lega, il deputato aquilano Luigi D’Eramo, “circostanza intollerabile che la Lega combatterà con tutte le sue forze, in ogni sede”. Secondo quanto riferito da D’Eramo, i migranti “stanno per essere ospitati in una struttura messa a disposizione dalla ‘Caritas dell’Arcidiocesi di Pescara-Penne Onlus‘”.

“Si tratterebbe del primo esperimento italiano di eliminazione identitaria. Il piccolo Comune ha i fondi appena sufficienti per i servizi essenziali, non ha risorse per garantire i servizi di sicurezza urbana: ha solo un dipendente e un ragioniere che appartiene ad un altro Comune. Non ha nemmeno un’unità di Polizia municipale. Un aumento di popolazione di oltre il 110%, caso unico in Italia, determinerebbe una situazione insostenibile”. A riportarlo è l’agenzia Ansa.

Condividi!

2 thoughts on “D’Eramo (Lega): “100 migranti in paesino Abruzzo di 84 abitanti, ci opporremo”

  1. ma quale sanatoria,i veri italiani se ne sono andati all estero a lavorare per mandare a casa i soldi che vi state mangiando senza lavorare non avete bisogno di questi individui noi siamo i grandi lavoratori che si fanno onore nelle terre lontano da questi abusi che non danno frutto .Una volta l italia era una terra dei miei padri,discendenti di giulio Cesare uomini uomini che sapevano come trattare simili uomini ,rileggetevi la storia e saprete chi era il vero italiano ,non fatemi piangere io sono un italiano vero.

  2. Condivido pienamente,Sono anche io un emigrato,questi bastardi comunisti stanno distruggendo la Nostra vecchia Bella amata Italia.A NOI

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.