Cossiga demolì Draghi: “Un vile affarista, liquidatore dell’industria pubblica”

Condividi!

L’ex presidente della Repubblica, il compianto Francesco Cossiga, soprannominato il Picconatore, spese parole particolarmente dure e tutt’altro che rassicuranti sull’ex presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi:

“Un vile affarista. Non si può nominare presidente del consiglio dei ministri chi è stato socio della Goldman & Sachs, grande banca d’affari americana. E male, molto male, io feci ad appoggiarne, quasi ad imporne la candidatura a Silvio Berlusconi. Male, molto male”, confessò contattato telefonicamente da Luca Giurato.

Mario Draghi, dopo la famosa crociera sul “Britannia”, è il liquidatore dell’industria pubblica. Svendette l’industria pubblica italiana quando era direttore generale del Tesoro. E immaginati che cosa farebbe da presidente del consiglio dei ministri”, avvertì lo storico esponente della Democrazia Cristiana.

Svenderebbe quel che rimane. Finmeccanica, l’Enel e l’Eni, certamente, ai suoi ex comparuzzi della Goldman & Sachs”, concluse.

Condividi!

One thought on “Cossiga demolì Draghi: “Un vile affarista, liquidatore dell’industria pubblica”

Rispondi a Nicola Annulla risposta

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.