Coronavirus? Ong tedesca riparte in direzione Libia per prelevare migranti

Condividi!

“La Alan Kurdi della Ong tedesca Sea Eye è ripartita dalla Spagna in direzione Libia. Dove sbarcheranno i migranti, caro presidente Conte, con l’Italia e l’Europa in emergenza Coronavirus?”. Se lo chiede la scrittrice Francesca Totolo sul suo profilo Twitter.

Il messaggio della Ong tedesca: “La nostra nave di soccorso Alan Kurdi ha lasciato il porto spagnolo. Stiamo andando verso il Mediterraneo centrale. Salvare vite umane e proteggere i diritti umani è una priorità in ogni momento”.

“Dopo quasi un mese di sospensione delle operazioni di ricerca e salvataggio di immigrati, la Ong tedesca Sea-Eye è ripartita ieri a bordo della sua nave Alan Kurdi dal porto spagnolo di Burriana per raggiungere le coste libiche, nonostante l’emergenza Coronavirus in Italia e in tutta Europa perché “i diritti umani sono sempre una priorità”. Anche quando è in corso una pandemia senza precedenti“, spiega Francesca Totolo con un articolo su Il Primato Nazionale.

“Si vocifera che il ministro Luigi Di Maio abbia comunicato agli Stati di bandiera delle navi umanitarie, Norvegia e Germania, l’impossibilità di accogliere gli immigrati a causa della tragica situazione Coronavirus in Italia”, aggiunge.

Una questione è certa: senza Ong piazzate al largo della Libia, sia gli sbarchi in Sicilia sia le partenze dalla Libia si sono drasticamente ridotte. Così come si sono zittite le segnalazioni del centralino Alarm Phone, fondato da […] Don Zerai”, conclude l’autrice del volume Inferno SPA.

Condividi!

2 thoughts on “Coronavirus? Ong tedesca riparte in direzione Libia per prelevare migranti

  1. Ripartono.. Ti credo… Stanno fermi da 1 mese.. Sai I soldi che STANNO PERDENDO?! MA SE LI FARANNO SBARCARE ANCORA QUI SUCCEDERA’ L ‘APOTEOSI… NN SE NE PUÒ PIÙ DI QUESTO GOVERNO ABUSIVO!!!

    1. Se li faranno sbarcare qui (e li faranno sbarcare qui) non succederà un bel nulla
      1 – perchè nessuno li vedrà in quanto tutti confinati in casa
      2 – perchè in meridione c’è già l’esercito per le strade.

      Comunque il punto di rottura è vicino, TANTO TANTO vicino!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.