Castelli (M5s): “Ristoratori in crisi? Cambino mestiere”

Condividi!

Laura Castelli al TG2 post commenta la grave situazione dei ristoratori e del settore ospitalità. A margine dell’intervento di un ristoratore di Milano che disegnava una situazione di crisi insostenibile, con un calo dell’80% della clientela, il vice-ministro grillino dell’economia ha avuto la geniale idea di dire che in Italia la pandemia avrebbe mutato irreversibilmente il rapporto tra domanda e offerta, dunque se gli italiani non vogliono più andare al ristorante occorre che il governo aiuti chi lavora nella ristorazione ad immaginare di “reinventarsi” in un altro settore, incentivando la creatività.

Non sarebbe dunque colpa dell’esecutivo se le serrande dei ristoranti, delle pizzerie e dei locali non potranno più rialzarsi, non sarebbe colpa della assoluta mancanza di incentivi, delle misure restrittive incomprensibili, della mancanza di tutele e di sistemi di protezione del settore. Oggi la Castelli scarica le responsabilità del governo su un fantomatico mutamento della domanda e dell’offerta “ma proprio in termini macroeconomici” (sic!) e così se ne lava le mani, si scrolla di dosso ogni responsabilità e lascia con una delle sue solite lapidarie sortite un intero settore in crisi al vacuo fatalismo grillino che è più disarmante di una qualsiasi teoria sbagliata. Ancora una volta infatti si dà ampiamente prova del fatto che ci troviamo di fronte al vuoto pneumatico, al nulla più desolante e di fronte al nulla è davvero difficile trovare argomentazioni a contrario. Lo scrive la VdP.

Condividi!

4 thoughts on “Castelli (M5s): “Ristoratori in crisi? Cambino mestiere”

  1. Castelli Laura: l’espressione max della deficienza; forse sarebbe meglio fosse lei a cambiare e sopratutto non sparare stronzate!!

  2. Io posso capire che volesse intendere una cosa un po’ diversa. Il problema è che quando gli si fa notare le stupidaggini dette, a tutti i grillini ovviamente, non ti dicono: ok mi sono espresso male, intendevo dire…ecc ecc.
    Noooooooooo, sono sempre gli altri che hanno frainteso, i giornali che riportano fake, e meno male che non ha detto ” io attaccata perché donna” perché, come la azzolina, bisognerebbe inzuccarle nel muro per l’ignoranza, incapacità e arroganza.

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.