Brumotti: “Noi chiusi in gabbia e gli spacciatori in giro”. Aggredito a Torino

Condividi!

Vittorio Brumotti, l’inviato di Striscia la Notizia, si è recato a Torino per documentare lo spaccio giornaliero nonostante le dure disposizioni imposte dal Governo Conte Bis: “Siamo venuti a documentare lo spaccio che avviene in questa grossissima città, ma adesso nonostante le restrizioni riguardanti il Coronavirus, qui l’illecito avviene più che mai. Qui siamo in un parco dove ci sono circa trenta persone, una trentina di clienti ed un sacco di persone che si contagia. Noi abbiamo documentato e vi facciamo vedere“.

“Siamo al Parco Sempione di Torino dove di fronte a me almeno trenta persone fanno assembramento nonostante le severissime restrizioni imposte dal Governo. Clienti e spacciatori tutti senza mascherina. Tutti seduti sulla panchina senza protezione. Qui di fronte a noi una vera e propria organizzazione criminale ben assestata. In questo luogo si vende morte”.

Condividi!

3 thoughts on “Brumotti: “Noi chiusi in gabbia e gli spacciatori in giro”. Aggredito a Torino

  1. CHISSÀ XC SONO TUTTI NERI… CHISSÀ XC CONTINUANO A TRAGHETTARNE ALTRI.. È CHIARO CHE IL GOVERNO VUOLE QUESTO.. ALTRIMENTI SAREBBERO TUTTI IN GALERA, PORTI VERAMENTE CHIUSI….SE NN CAMBIA QUALCOSA… È FINITA… PURTROPPO… SIGH!!

  2. E’ semplicemente vergognoso attuare queste procedure ,una volta liberi di uscire devono condannare i comportamenti ,altro che tenerci incarcerati dentro casa,quei professoroni alla corte di Re Conte hanno bisogno dello pisichiatra!!!!!!!!!!!.Gli anziani deceduti sono morti nelle RSA, ha detto bene uno scenziato non tutti gli anziani invecchiano alla stessa maniera ci sono vecchi che stanno male,altri meno male,altri bene, non si può fare di tutto un fascio, è Vergognoso pensarla in questo modo, mi rifiuto di accettare questa regola demenziale.

  3. Lo stato arriva solo quando ci stanno le telecamere…pur sapendo che ogni giorno e così…Italiani a casa e multati..e gli immigrati padroni dell’Italia .

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.