Biancalani, i suoi ospiti spacciano e lui se la prende con Salvini: “Ti querelo”

Condividi!

Biancalani è riuscito nell’impresa di trasformare un luogo di culto in un luogo di spaccio. Adesso siamo arrivati al punto di veder trasformato un confessionale della chiesa in un nascondiglio per lo spacciatore di turno. Non mi sorprende che la comunità di Vicofaro sia sul piede di guerra, mi sorprende invece che la regione Toscana abbia sostenuto questo folle progetto di accoglienza che ha distrutto la comunità parrocchiale del luogo. Rossi e il PD hanno elargito a Biancalani oltre 70mila euro per il progetto “porte aperte per tutti in Toscana” e si sono resi complici di questa situazione. Andrò presto a Vicofaro, non certo per incontrare Don Biancalani come ha fatto la sinistra ma per incontrare i parrocchiani ed i residenti che hanno bisogno di recuperare la loro tranquillità”. Così Susanna Ceccardi, candidata del centrodestra alla presidenza della regione Toscana.

La reazione rabbiosa di Don Biancalani alle parole della leghista: “Ceccardi indegna! Ributtante, ti querelo!”.

Poi attacca anche Salvini: “Salvini, noi non siamo un “modello di integrazione”, stiamo solo cercando di dare un aiuto a decine e decine di persone (centinaia in questi anni) che i tuoi disumani decreti sicurezza hanno costretto sulla strada. Sei un politico indegno di questo paese, ti devi vergognare! Spero che gli italiani aprano finalmente gli occhi per capire chi veramente sei! Nel confessionale nascosta solo cianfrusaglia. Con dei legali stiamo valutando querela”.

Condividi!

One thought on “Biancalani, i suoi ospiti spacciano e lui se la prende con Salvini: “Ti querelo”

  1. Se questo “pseudo”prete nn avesse protezioni, come invece ne ha, e tante.. Nn farebbe tanto il bullo.. È facile così.. I famosi finti buoni.. Abbiamo scoperto con loro che l Italia deve accogliere e sfamare tutta l’africa..anche xc agli altri nel mondo, nn frega 1 tubo! Com’è buono questo Biancalani con loro.. Ma guarda 1 po…

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.