Bellanova sui clandestini: “Non possiamo espellerli per il Coronavirus”

Condividi!

Regolarizzare gli immigrati clandestini. La renziana Teresa Bellanova, in collegamento con Fabio Fazio a Che tempo che fa, chiarisce una volta per tutti qual è la priorità del Governo giallorosso.

Il premier Giuseppe Conte ieri ha spiegato che gli italiani, di fatto, dovranno restare chiusi in casa ancora per almeno 2 settimane abbondanti, visto che la Fase 2 inizierà dal 4 maggio soprattutto per alcune attività produttive, mentre per i comuni cittadini varranno i divieti di sempre. Ma la ministra renziana pensa all’immigrazione, in una mossa a tenaglia che coinvolge anche il Viminale. Lo scrive liberoquotidiano.it.

“In questo momento queste persone non possono essere mandate via – spiega la Bellanova -. C’è un’emergenza sanitaria in Italia e nei Paesi dai quali provengono”. E quindi: “La proposta che io ho avanzato è quella di dare a queste persone il diritto a poter lavorare in modo legale e questo è un tema fondamentale del quale dobbiamo farci carico”, cioè la sanatoria.

La tesi di fondo è la risposta “morale” a Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Mai citati direttamente, ma il messaggio politico è chiarissimo: “Recuperare umanità rispetto a tanta propaganda e tanto odio che è stato seminato in questi anni, credo sia doveroso soprattutto in questa fase”.

Condividi!

2 thoughts on “Bellanova sui clandestini: “Non possiamo espellerli per il Coronavirus”

  1. ECCO REGOLARIZZARLI, CERTO CHE, IN QUESTO MOMENTO C’È POCO DA SISTEMARE… SI… NN HANNO ALTRO DA FARE LIMORT… TUA… PORTALI TUTTI IN TOSCANA ed EMILIA ROMAGNA DOVE LI ACCOGLIERANNO A BRACCIA APERTE. DOVE VI HANNO VOTATO!!

  2. MA POI… QUANDO MAI LI HANNO ESPULSI?!? SIAMO L UNICO PAESE CHE SI STA FACENDO INVADERE!! RESTANO SEMPRE E CMQ TUTTI QUA!!! COL CIUFOLO CHE ENTRANO IN FRANCIA, GERMANIA, AUSTRIA, E IN TUTTI I PAESI DELL EU!! QUESTA BELLANOVA FA ORRORE E… IN TUTTI I SENSI!!!

Rispondi a Marita Annulla risposta

© 2019-2020 Stopcensura.net | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.